Summary Canvas: come scrivere una bio che conquista

Quando si fa personal branding e ci si concentra sulla visibilità del proprio valore di marca, bisogna curare ogni dettaglio senza lasciare nulla al caso.

Nei social, come nella vita reale, assume in tal senso un’importanza fondamentale il modo in cui ci si presenta e ci si racconta. Mi riferisco a quelle righe che quasi tutti i social ci mettono a disposizione per dare, a chi ci sta leggendo, preziose informazioni aggiuntive sulla la nostra vita e la nostra professione.

L’importanza della biografia ( o del ‘summary’ se preferisci) è spesso sottovalutata. Molti usano questo spazio per elencare competenze, scrivere citazioni o addirittura riportare il numero di follower raggiunti, alla stregua di un trofeo da esibire nel grande circo di Internet.

Nulla di più sbagliato. La biografia è un’opportunità. Un approfondimento che, se ben utilizzato, ti permette di conquistare l’attenzione del lettore.

Ma come fare per scrivere biografie non banali, che incuriosiscano e inducano le persone a stabilire una connessione con noi? La risposta a questa domanda è il Summary Canvas.

summary-canvas

Il Summary Canvas è uno strumento che ho elaborato per agevolare la scrittura di una biografia diretta e concisa che faccia capire subito cosa fai ed in che modo puoi essere utile ai tuoi clienti. Far percepire la capacità di risolvere problemi è il modo migliore per conquistare l’attenzione del nostro interlocutore. Con il Summary Canvas, potrai creare una biografia interessante da spendere non solo nei social. Ti tornerà utile nella stesura del tuo curriculum o per mettere in piedi un elevator pitch da declamare a nuovi possibili clienti che non hanno tempo da perdere.

Prima di analizzarlo nel dettaglio, ti ricordo che puoi scaricare gratuitamente il Summary Canvas, in versione PDF o JPG CLICCANDO QUI.

Il Sumary Canvas può essere suddiviso in 3 aree: un’area semantica, una descrittiva ed una narrativa.

Area semantica

L’area semantica è uno spazio riservato alle parole. Nel primo blocco ‘keyword’ ti chiedo di scrivere quelle parole chiave che necessariamente devono comparire nella tua descrizione. Termini ai quali vorresti vedere associato il tuo nome in maniera netta ed inequivocabile. Oltre a generare una maggiore aderenza tra il tuo brand ed il tuo settore di riferimento, l’uso delle keyword favorirà l’indicizzazione del tuo contenuto. Non eccedere però, puoi inserirne al massimo quattro.

summary-canvas

Subito dopo, c’è il blocco ‘buzzword‘ con alcune parole evidenziate. Le ‘buzzword” sono parole da censurare. Non valorizzano più ed hanno anzi il potere di “smontare” tutta la tua credibilità trasmettendo in un sol colpo scarsa originalità, presunzione e superficialità. Le dieci parole riportate in questo blocco sono un mix tra i vocaboli più abusati nei profili LinkedIn secondo una ricerca del 2017, più alcuni termini che negli ultimi anni sono diventati totalmente insignificanti.

summary-canvas

Area descrittiva

L’area descrittiva è il cuore dell’intero documento. Si suddivide in 5 blocchi. I primi due sono rispettivamente destinati ad ‘Azione’ e ‘Target’. Nella casella ‘Azione’ ti chiedo di inserire un verbo, un’azione per l’appunto, con cui contraddistingui la tua attività. Quale operato svolgi nei confronti del tuo target? Aiuti? Supporti? Guidi? Dirigi? Consigli? Il secondo step è legato alla definizione del tuo target ideale. A chi ti rivolgi esattamente? Da chi vuoi essere ascoltato? Cerca di essere il più preciso possibile nel definire il tuo pubblico. Più lo sarai, più incisiva sarà la tua comunicazione.

summary-canvas

Il terzo blocco ‘Problema’ ti chiede di focalizzarti sulle sofferenze che affliggono il tuo cliente ideale. I rischi, le criticità e tutto quello che ne ostacola il raggiungimento dei risultati. Pensaci bene e scrivi la problematica che ritieni di poter risolvere.

problema

Le ultime due caselle dell’area descrittiva sono ‘Strumento’ e ‘Beneficio’. Nel primo dovrai indicare con quale mezzo intendi risolvere il problema. Nel blocco ‘Beneficio’, invece, dovrai mettere nero su bianco il valore aggiunto che rappresenta il tuo operato per il cliente. Qui devi rendere tangibile la tua proposta di valore spiegando quale beneficio può ricavare il cliente dai tuoi servizi. Ricorda che la capacità di arrecare un beneficio è un elemento altamente fidelizzante in grado di conquistare in maniera potente la tua audience, amplificando credibilità e reputazione.

summary-canvas

Area narrativa

In questa ultimo blocco devi dar corpo alla tua biografia. Assembla tutte le indicazioni riportate negli step precedenti e scrivi una presentazione scorrevole. Ricorda di inserire almeno un paio delle parole chiave scritte in apertura ed evita come la peste le buzzword.

biografia

Cerca di essere rapido e sempre molto chiaro. Le persone non possono dedicarti tutto il tempo del mondo. E nemmeno i social, se consideri che LinkedIn, ad esempio, visualizza in automatico solo i primi 200 caratteri della tua bio.

Solo chi ha un focus preciso e ben definito saprà essere conciso. Del resto, come diceva Luis Sepúlveda “le biografie degli uomini coerenti sono brevi”. Buon lavoro!

Potrebbero interessarti anche...