Ti conosco Masquerade…

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Print this pageEmail this to someone

E’ di ieri la notizia dell’acquisizione da parte di Facebook di Masquerade.

Simile alla popolarissima Snapchat, Masquerade (o più semplicemente MSQRD) è un’applicazione mobile che ci permette di realizzare simpatici selfie, foto e video, con la sovrapposizione di maschere, volti famosi e filtri.masquerade

Oltre a segnare un ulteriore punto verso un orientamento sempre più ludico, l’inserimento di MSQRD all’interno di Facebook ci fornisce uno strumento simpaticissimo per esaltare la nostra personalità. Chi lo utilizza dimostra tutta la sua voglia di mettersi in gioco, di non prendersi troppo sul serio e di saper comunicare anche attraverso una maschera.

Dopo la notizia (annunciata in un video dallo stesso Mark Zuckerberg in versione Iron Man), Facebook è stato letterlamente riempito di bizzarri selfie generati da Masquerade.

Certo, non stiamo parlando di un canale di comunicazione vero e proprio, ma l’abbondanza di questi scatti “taroccati” mi ha fatto riflettere su quanto una semplice immagine possa dire sulla persona coinvolta. C’è chi sottolinea la propria indole aggressiva ritranedosi come un felino, chi riprende il proprio lato dark mostrandosi come uno zombie, chi invece dà prova di grande autoironia pubblicando scatti in versione scimpanzè. Volenti o nolenti tutti comunicano qualcosa al proprio pubblico.

Appare chiaro, così, che se una cosa fa Masquerade non è quella di mascherare, ma di contribuire a svelare una parte del nostro essere. Una parte ironica, ludica, leggera; una parte fondamentale che non va mai lasciata morire. Utilissima per vivere bene con sè stessi e con gli altri.

Il link per scaricare la app (in beta version per Android) lo trovate qui, la mia foto con Masquerade, invece, potete vederla qui di seguito…
masquerade

MarcoTomasone.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Print this pageEmail this to someone

Lascia un commento